Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DSG Dipartimento di Scienze Giuridiche
Home page > Didattica > Post lauream > Corsi di aggiornamento professionale > Archivio Corsi di aggiornamento professionale anni precedenti > Corsi di Aggiornamento professionale a.a. 2010/11 > La qualità della normazione: trasparenza e semplificazione

La qualità della normazione: trasparenza e semplificazione

Il Corso  di aggiornamento "La qualità della normazione: trasparenza e semplificazione (legislativa e amministrativa)" è stato istituito con il Decreto Rettorale n. 58889 (963) riportato in calce al presente avviso, il quale  ne detta la disciplina essenziale: direzione e  sede amministrativa, articolazione in due moduli di 32 ore ciascuno, destinatari,  requisiti di
ammissione,  termine di scadenza per la presentazione delle domande e loro numero minimo e massimo, previsione di un attestato di frequenza in  presenza di certi requisiti, ammontare della quota di iscrizione, modalità di presentazione delle domande. Nel presente avviso si integrano dette previsioni.
 
  1. Ogni modulo di 32 ore è costituito da otto incontri, tutti di venerdì pomeriggio, due ore per ogni lezione, la prima dalle alle 14.30 alle 16.30 e la seconda dalle 16.30 alle 18.30. Inizio del primo modulo venerdì 21 gennaio fino a venerdì 11 marzo, cui seguirà il colloquio finale per i partecipanti al solo primo modulo. Il secondo modulo inizierà il 25 marzo  e si concluderà il 20 maggio, cui seguirà il colloquio finale per i partecipanti ad entrambi i moduli o al solo secondo modulo.
  2. Il primo modulo si occuperà della semplificazione normativa e della nuova disciplina della trasparenza di cui al decreto legislativo n. 150 del 2009. Per la semplificazione normativa saranno affrontati i problemi del c.d. troppo diritto e, in particolare, del taglia leggi, i cui effetti sono attualmente previsti per il 16 dicembre 2010; dei codici  e dei testi unici novativi e compilativi, dopo la disciplina della legge n. 69 del 2009;  dei rimedi previsti per migliorare la qualità della normazione, come le disposizioni sulla chiarezza dei testi normativi introdotte dalla legge n. 69 del 2009, la motivazione degli atti normativi della Toscana, l'ATN, l'AIR,  la VIR e le clausole valutative.
  3. Il secondo modulo si occuperà, invece, della semplificazione amministrativa, con particolare riferimento alla riduzione degli oneri informativi imposta dal trattato di Lisbona; alla nuova normativa degli sportelli unici per le attività produttive; alla riduzione dei termini procedimentali e alla Segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA).
  4. Tutti gli argomenti saranno trattati con riferimento alle esperienze internazionali e comunitarie cercando di
    fare il punto non solo sulle previsioni normative ma anche sulla loro attuazione nello Stato e nelle Regioni.
  5. La partecipazione al Corso presuppone una conoscenza di base degli argomenti trattati (vedi, per esempio, il Primo  Rapporto Astrid sulla semplificazione legislativa e burocratica, dal titolo La tela di Penelope, a cura di Alessandro Natalini e Giulia Tiberi, Il Mulino, 2010, € 28,00).
  6. Ogni argomento sarà introdotto da un'ora di lezione cui seguirà il dibattito. L'introduzione sarà affidata a docenti
    del nostro o di altri Atenei, a funzionari parlamentari, dello Stato e delle Regioni. L'ultimo incontro di ogni modulo (quattro ore di lezione)  sarà dedicato all'esame di casi relativi ai temi trattati (esercitazione).
  7. Al termine di ogni modulo sarà distribuito un questionario diretto a verificare la soddisfazione dei partecipanti
    rispetto ai contenuti e all'organizzazione del Corso.
  8. La domanda di partecipazione al Corso (vedi fac-simile allegato al presente avviso) dovrà essere accompagnata dal  curriculum vitae, dalla copia di un documento di identità e, come prescrive il decreto rettorale,  dalla  copia della quietanza di pagamento della quota di iscrizione. Non potranno essere accettate domande prive di marca da bollo, della fotocopia del documento di identità, del curriculum,  della quietanza di pagamento della quota di iscrizione e quelle non inviate a mezzo raccomandata o non consegnate entro il termine in originale. Per i dipendenti di enti pubblici, la quietanza può essere sostituita da dichiarazione di impegno dell'Amministrazione di appartenenza ma, in questo caso, la partecipazione al Corso è subordinata all'effettivo pagamento  della
    quota di iscrizione prima dell'inizio del Corso.
  9. I partecipanti al Seminario parlamentare "Silvano Tosi", poiché l'ammissione al Seminario sarà decisa non prima
    del 6 dicembre prossimo, e quindi nell'imminenza della scadenza del termine per la presentazione della domanda di partecipazione ad entrambi  o al primo modulo, potranno presentare nel termine del 10 dicembre domanda di pre-iscrizione per posta elettronica indirizzata a uno dei direttori del Corso (massimo.carli@unifi.it oppure marta.picchi@unifi.it),  con l'obbligo di presentare la domanda di iscrizione, con i relativi allegati e con le modalità indicate nel precedente n. 7  entro il 20 dicembre (modifica disposta, ai sensi dell'art. 6 del decreto rettorale, dal decreto del  Dirigente dell'Area Servizi alla Didattica e alla Ricerca n. 72578 del 15.11.10).

Decreto istitutivo  

N.B.: nuovo IBAN = IT88A0200802837000041126939

Domanda di iscrizione.

Programma II modulo

Il termine di scadenza per la presentazione delle domande di iscrizione è fissato 10 dicembre 2010 per l'iscrizione ad entrambi i moduli; 15 febbraio 2011 per l'iscrizione al solo secondo modulo.  

 
ultimo aggiornamento: 11-Mar-2013
Unifi Home Page

Inizio pagina